Cri Trentino

Comunicato dal Presidente Nazionale CRI avv. Francesco Rocca sulla richiesta di collaborazione pervenuta dal PD PDF Stampa E-mail

"Non esiste un protocollo ma una richiesta di collaborazione pervenuta dal PD, negli ambiti di diffusione dei gesti salvavita, della donazione del sangue o delle raccolte di generi di prima necessità per le attività sociali o di emergenza della CRI, proposta che verrà valutata dal Consiglio Direttivo Nazionale.[...]"

Con il CDN lavoreremo, altresì, per definire standard e modalità di collaborazione con qualsiasi realtà politica, nel rispetto della nostra identità, dei nostri Principi e lontani da qualsiasi possibile strumentalizzazione” – ha dichiarato il Presidente Nazionale Francesco Rocca.

Attraverso una nota consegnata al Segretario Generale della CRI, infatti, il PD ha desiderato manifestare la disponibilità dei propri aderenti e sedi a supportare delle azioni di Croce Rossa Italiana sul territorio nazionale, anche in caso di emergenze, con modalità da definire. 

L’idea di un possibile accordo operativo nasce anche alla luce dell’esperienza durante l’ultimo sisma del centro-Italia in cui molti, tra partiti politici e associazioni, si sono mobilitati allestendo centri di raccolta temporanei per supportare la Croce Rossa, in maniera certamente generosa ma non sempre efficace e coordinata. 

“Ringraziamo e siamo aperti alla collaborazione con chiunque voglia contribuire alla nostra missione ed esamineremo con attenzione le forme specifiche affinché si definisca il perimetro di un possibile protocollo operativo con qualsiasi realtà associativa o politica, senza distinzione alcuna. Siamo, infatti, consapevoli dell’importanza operativa di raggiungere la nostra missione aumentando la capacità d’intervento sui beneficiari, anche coinvolgendo la società civile attraverso la mobilitazione di gruppi organizzati” conclude Francesco Rocca.

 
Sei qui  : Home